CROCE ROSSA ITALIANA

Comitato di Santena

Inaugurazione del campo di atterraggio notturno dell’elisoccorso e torre faro

Far conoscere il mondo Croce Rossa non è cosa facile, è talmente ampio questo mondo da dover essere suddiviso in aree (che equivalgono a settori). Ognuna di queste aree, sono 6, ha una molteplicità di aspetti che possono essere amministrati e organizzati solo grazie alla presenza di figure formate il cui obiettivo è far sì che ogni area venga ricondotta ad un unicum che permetta di lavorare al meglio e di farlo insieme. 

Insomma è come una macchina in grado di funzionare solo e grazie a tutte quelle componenti, i volontari, che cooperano in modo sinergico per poter portare e dedicare tempo/impegno/amore/sostegno a tutti coloro che si trovano in momenti di difficoltà. Croce Rossa non è solo servizio di urgenza, ma è anche protezione civile, è formazione, è supporto alle famiglie non abbienti.

E’ fornire spalle su cui appoggiarsi, ed ha anche aspetti più duri dato che Croce Rossa è portarsi a casa un bagaglio di sofferenza, è portarsi nel cuore il dolore degli altri, impotenti nel cancellarlo.

Croce Rossa è stare insieme a una famiglia in più e diversa da quella di origine, è amicizia ma è anche litigi. E’ difficile farlo comprendere perché spesso chi ascolta in realtà non sente e non vede veramente, come succede per ogni opera di ingegneria, quale grande lavoro e sacrificio ci sia dietro.

E’ un mondo talmente grande e saggio da essere consapevole che tramite le critiche si può crescere, da essere consapevole di non essere perfetto.

 

Ma, lo dice anche una canzone, siamo bellissimi nonostante i nostri sbagli. Rimanendo nell’ambito delle citazioni, Madre Teresa diceva che chi riesce ad accendere una fiaccola nel momento buio di qualcuno, di certo, non ha vissuto invano.

Dopo questa dichiarazione a cuore aperto, cogliendo la citazione sulla luce, il Comitato CRI di Santena è lieto di comunicare che un ulteriore regalo è stato ricevuto da parte del Comune di Santena, che durante quest’anno è già stato prodigo, e cioè il comodato d’uso di una torre faro!

Questa sarà impiegata sul territorio comunale sia per eventi di massiccio afflusso (ciò per ottemperare all’attuale normativa), sia in caso di emergenza di protezione civile, ad esempio durante calamità naturali, in cui si riterrà necessario il supporto mobile per l’illuminazione di ambienti di ampiezza limitata, aree di ammassamento della popolazione, campi di accoglienza.

Come da accordi il carrello torre faro sarà messo a disposizione e usufruibile dalle altre associazioni santenesi per le proprie attività sul territorio comunale, essendo montata su apposito carrello omologato questa è trainabile e può essere dislocata. 

L’inaugurazione avverrà durante un altro evento inaugurale sempre volto a fornire un maggiore servizio e maggiore attenzione ai cittadini, quello della postazione notturna di atterraggio dell’ Elisoccorso, presso il campo sportivo delle Scuole medie Giovanni Falcone, giovedì 21 marzo alle ore 20.00.

Questo servizio è molto rilevante ai fini del supporto medico urgente.

Per chi non lo sapesse su questo mezzo, oltre ad una squadra di tecnici preparati nella movimentazione dell’elicottero, è presente la figura di un medico anestesista e di un infermiere abilitati 118.

L’attivazione, fino a qualche tempo fa, avveniva solo nelle ore diurne nelle quali è più agevole condurre il volo a vista coadiuvato all’ausilio degli strumenti tecnici di bordo, i quali però ad oggi, grazie alle migliorie e avanzamenti tecnici, permettono di sorvolare il territorio in elicottero anche nelle ore buie.

Ciò è di grande importanza nei casi in cui si renda necessario un intervento, veloce in urgenze di tipo sanitario con un alto livello di criticità.

Il Comune di Santena e la Croce Rossa di Santena collaboreranno al buon funzionamento e alla gestione della postazione di atterraggio notturno:

entrambi hanno la possibilità di accedere al campo sportivo delle Scuole medie, luogo prescelto in quanto dotato di caratteristiche idonee quali superficie di atterraggio e illuminazione;

va sottolineato che qualora le circostanze lo richiedano, l’accesso non è ne impedito ne vietato ad altre squadre di soccorso urgente appartenenti ad altri comitati e/o associazioni di volontariato, le quali saranno istruite sulle procedure di apertura cancelli e di accensione delle luminarie;

La CRI, o chi per essa, avrà il compito di recuperare l’equipaggio dell’elisoccorso e di accompagnarlo sul luogo esatto in cui è richiesto l’intervento, nonché di riaccompagnarlo con paziente al seguito ( se necessario) alla postazione per permettere il trasporto urgente in ospedale.

Il fine è la salvaguardia e il benessere dei cittadini, in tutte le ore e i momenti della giornata.

Per l’occasione i volontari simuleranno un’intervento urgente, per far avvicinare sempre più la popolazione al mondo Croce Rossa.

E.D.M, volontaria CRI SANTENA